mercoledì 25 novembre 2015

Tutto ciò che sappiamo dell'amore di Colleen Hoover


Titolo originale: Slammed.
"Lake ha vissuto l'anno peggiore della sua vita: la morte del padre, i litigi con la madre, un trasloco in una nuova città e la fatica di reinventarsi una vita. Finché non conosce Will, il vicino di casa. Anche lui è stato costretto dalla vita a crescere in fretta. L'intesa tra di loro è immediata, ma il primo giorno di lezione Lake scopre che il loro è un amore impossibile: Will ha solo qualche anno più di lei, ma è uno dei suoi professori. Eppure quello che c'è tra di loro, a partire da un primo bacio scambiato quando ancora non sapevano di doversi evitare, sembra irresistibile. E così Lake e Will - costretti a restare lontani - si parlano attraverso la poesia, anzi, le poesie, in pubblico ma in segreto, servendosi di uno slam (una gara di versi) per dirsi tutto ciò che devono e vogliono dirsi. Alla fine, è qualcosa di molto semplice ed essenziale: come ha scritto la famosa poetessa Emily Dickinson, tutto ciò che sappiamo dell'amore è che l'amore è tutto. E spesso è l'unica forza che può tenerci a galla quando ogni cosa intorno a noi sembra mandarci a fondo."
Capire le cose non sempre rende più facile accettarle.
Scrivo un post dedicato, perché nell'impostare le letture di Ottobre e Novembre mi sono accorta di essermi dilungata un po' troppo. Tanto per cambiare >///<"
Altro bellissimo libro della Hoover.
Ogni volta questa autrice riesce a stupirmi inventando personaggi così reali, emozioni altrettanto intense e situazioni coinvolgenti.
La narrazione è affidata a Lake, una ragazza devastata, che sta provando a rimettere insieme i pezzi di sé e della propria famiglia, dopo la morte del padre.
Mi ha colpito, fin dalle prime pagine, il rapporto tra Lake e Kel, il suo fratellino.
Ho cercato di partecipare il più possibile alla vita di mio fratello. Papà era anche il suo migliore amico quando ci ha lasciati, e ho come la sensazione che Kel abbia perso qualcosa in più rispetto a tutti noi. 
E' costretta a trasferirsi in una nuova città e cambiare scuola, ha paura di voltare le spalle al ricordo del padre e al suo passato.
Will è tra le prime persone che conosce poiché è il suo vicino di casa. Fin da subito tra i due c'è un feeling che la spaventata.
Lui? E' esattamente come lo descrive la stessa protagonista. Un figo pazzesco, simpatico e per di più amante della poesia. <3
La sua vita è basata su Caulder, suo fratello minore. E non lo dico tanto per dire. Sono orfani e tutto quello che fa, è per lui. Per dar la possibilità al fratello di avere ancora una vita normale e una famiglia sana.
<La mia vita non è altro che una serie di responsabilità. Io sto facendo da padre a un bambino, per l'amor del cielo! e lui verrebbe sempre e comunque per primo. Accidenti...e anche per secondo!> Alza leggermente la testa e torna a guardarmi negli occhi. <Tu non meriti il terzo posto.>
La mamma di Lake è una donna forte, che ha perso l'amore della sua vita.
Negli anni, mia madre è sempre stata un'ottima consigliera. sapeva cosa avrei voluto sentirmi dire, ma mi diceva quello che avevo bisogno di sentire. 
Ci saranno molti litigi tra lei e la protagonista, ma l'affetto che le lega è tangibile.
Mia madre ha sempre avuto l'incredibile capacità di condensare una strigliata di tre ore in una sola occhiata. E adesso mi ha appena lanciato una di quelle occhiate.
I due fratellini minori sono un amore, due piccole pesti che diventeranno inseparabili.
Ovviamente, i nostri protagonisti saranno messi di fronte a molte -troppe- difficoltà.
La vita vuole che tu lotti. Che impari a prenderti quello che è tuo.
Il futuro certe volte è scritto, ma sta a noi decidere come affrontarlo.
Triste, emozionante e molto bello. Libro consigliato!
Il rimpianto è fine a se stesso. Significa recriminare su cose passate che ormai non puoi più cambiare. Invece, avere dei dubbi prima può aiutarti a fare scelte di cui non ti pentirai dopo. Io ho pensato molto al mio rapporto con tuo padre. Le persone decidono di stare assieme basandosi sempre su quello che dice il loro cuore. Ma c'è molto di più dell'amore in una relazione tra due persone.
L'avete letto? E' piaciuto anche a voi? Aspetto, come sempre, la vostra opinione.
Buona letture! <3

giovedì 12 novembre 2015

Oltre l'amore di Jay Crownover

Titolo originale: Rome
"Dietro la sua aria insolente e i tatuaggi che ricoprono il suo corpo, Cora Lewis nasconde un cuore spezzato, e non vuole bruciarsi di nuovo. Cora vorrebbe incontrare una persona che non abbia problemi da risolvere e sia pronta a impegnarsi. Finché non conosce Rome Archer. Rome è ben lontano dall’essere perfetto. È testardo, rigido e prepotente. Ed è tornato dalla sua ultima missione molto provato sia fisicamente che moralmente. Rome si è sempre trovato a ricoprire troppi ruoli: fratello maggiore, figlio prediletto, super soldato. Ma nessuno fa più per lui. Ora è solo un uomo che cerca di capire cosa fare con la sua vita, e come tenere a bada i demoni oscuri legati alla guerra e alle perdite subite. Era pronto ad affrontarli da solo, ma Cora ha fatto irruzione nel grigiore della sua vita, illuminandola... E quel che all’inizio sembra imperfetto potrebbe anche durare per sempre..."
Se sei troppo impegnata a guardarti le spalle, non scoprirai mai dove ti porta la strada che si snoda davanti a te.
Ho avuto il piacere di leggere "Oltre l'amore" con Virginia (lerecensionidellalibraia), vi lascio QUI la sua recensione, passate anche da lei! <3

Finalmente il terzo capitolo della Tattoo Series. Parto col dire che mi è piaciuto, mai come il primo capitolo. Oh, Rule! <3 Ma mi è piaciuto!:)
Come controindicazioni a questa lettura ho trovato la voglia ampliata del 100% di...tatuaggi.
Sarà la volta buona che mi decido a fare quello che da tempo ho in mente?! *_*

 
Tornando al libro i protagonisti di questo racconto sono Cora e Rome.

Forse credeva che fossi innocua perché gli arrivavo appena allo sterno; forse pensava che fossi uno zuccherino perché indossavo un top rosa acceso allacciato al collo e dei pantaloncini bianchi e avevo un'aria dimessa e inoffensiva; forse pensava che fossi docile perché non gli avevo rivolto la parola da quando era entrato a passo di marcia e si era impegnato a rovinarmi la vacanza. Alzai il sopracciglio con il cristallo rosa e ricambiai il suo sguardo truce con uno altrettanto torvo. Qualsiasi cosa pensasse o avesse pensato, fui cerca di averlo colto alla sprovvista quando, con tutta la calma di cui ero capace, mi alzai in piedi, mi chinai verso di lui e gli rovesciai in testa il resto della lattina di birra che avevo praticamente schiacciato in mano.
SBAM! E io già adoro Cora! <3
Per una volta è una ragazza normale, non la solita bambolina, ma una piccola fatina dal carattere deciso.

In effetti avevo un po' l'aria della fatina dei cartoni animati. Ero bassa, con i capelli biondi appuntiti e ribelli e miei occhi erano di due colori diversi. E poi avevo anche un complesso tatuaggio floreale che si snodava sul mio braccio sinistro dal polso alla spalla.
E' una ragazza che ama il suo lavoro e tiene alle persone che le sono vicine, si sente in dovere di proteggerle e aiutarle.
In passato ha amato un ragazzo che le ha mentito, quindi ora cerca il vero e unico grande amore.
L'amore...quello perfetto, quello semplice che rende tutto più facile. Ma esisterà?
Ho apprezzato di questo personaggio la sua spontaneità e la sua trasparenza. E' onesta nelle sue opinioni e reazioni. Una cosa che invidio e ammiro.


Nei precedenti capitoli abbiamo avuto un assaggio dei problemi di Rome, e in questo capitolo si scava nel suo passato e nelle sue esperienze. E ancor più nelle difficoltà che incontra nel tornare alla vita normale.
Nemmeno sei mesi prima avevo il controllo di più di cento uomini; pianificavo missioni clandestine ed ero quello da cui andare a cercare risposte e soluzioni, ma nessuna di queste qualità contava un cazzo nel mondo del lavoro.
Sono restata piacevolmente sorpresa di quanto sia stato facile capire i disagi di Rome. Per una volta non è il solito ragazzo che si comporta da idiota per il gusto fare il "bello e dannato". Anche se è descritto come un sexy Ercole, forse fin troppo...^^" Non sa come gestire la situazione e gli incubi dovuti alle sue missioni di guerra.
Mi piaceva che fosse così grande e forte e che comunque stesse lottando e fosse abbastanza umano da ammettere le proprie debolezze.
Poi va detto: lui è un Archer e come tale...lascia il segno. >///<
Non ero il tipo di ragazza da rinunciare a una sfida e Rome Archer ubriaco e di pessimo umore non era una novità. Non mi faceva paura. E poi non avevo mai sopportato di sentirmi dire che non potevo dare qualcosa solo perché ero una ragazza.
Cora e Rome, che all'apparenza non hanno nulla in comune, troveranno qualcosa che li spingerà a mettere in dubbio il loro stile di vita e le loro convinzioni.
 

La narrazione è sempre alternata tra i due protagonisti, ma ho notato un cambiamento rispetto ai prendenti, forse perché coinvolge maggiormente tutti i protagonisti, vecchi e nuovi (e futuri?). Incontriamo ancora Rule, che quasi è diventato saggio. :P
L'amore non è mai perfetto, fratellone. E' il modo in cui affronti le imperfezioni che rende tutto più interessante.
Ammetto che Jay Crownover è caduta in un cliché visto e rivisto, ma nel contesto dei protagonisti non l'ho trovato così sforzato come in altri romanzi.
Essendo Rome un guerriero vi posso assicurare che non mancano i colpi di scena. *_*
 

Insomma, se vi sono piaciuti i precedenti volumi dovete continuare questa serie.
Se non l'avete ancora letta, dovete rimediare. In pratica: lettura consigliata! :P
Aspetto, come sempre, le vostre opinioni.
Buone letture! ;)

Sei perfetto per me perché sono imperfetta quanto te, ma insieme siamo impeccabili.