venerdì 24 aprile 2015

PRESENTAZIONE: La sabbia delle streghe, Milmay la nuova regina di Teresa Di Gaetano


Pagine: 308
Prezzo di copertina: 20€
Editore: self-publishing youcanprint
Formato: cartaceo
Acquistabile in tutti gli stores internet IBS
Genere: Fantasy
Pubblicazione: Aprile 2015
Volume: quarto libro della saga.
Si legge preferibilmente dopo la trilogia della principessa Primrose, in particolare dopo “Alla ricerca dei ricordi” perché continua a raccontare le vicende della principessa.

Il blog ufficiale della saga: lacrimedicristallo

La pagina ufficiale della scrittrice: I libri di Teresa Di Gaetano


Sono passati alcuni anni da quando la principessa Primrose ha salvato il GranRegno dalla distruzione totale. Milmay, principessa del regno di Duverger, ha trascorso buona parte della sua adolescenza in tutta tranquillità chiusa nel suo Castello. Un giorno le viene a fare visita Naska, una delle due figlie gemelle di Primrose, che le chiede di impugnare le armi e spodestare così il nonno, re Melville, dalla sua tirannia. Nel frattempo, emergono segreti mai svelati a corte dal vecchio Re Kandahar. Milmay non è l’unica erede al trono di Duverger. Il vecchio Re, poco prima che lei nascesse, aveva messo incinta una serva che aveva dato alla luce Rosana, una figliastra. Il padre invita la figlia Milmay a partire, ma lei non si decide per lungo tempo. Essendo stata vittima del maleficio di una delle Tredici Streghe Nere ed essendo sempre vissuta tra le mura del Castello per paura di essere di nuovo colpita da qualche maleficio, non vuole partire, ma poi un attacco improvviso al suo Castello le farà cambiare idea.
Sette principi del GranRegno. Sette principi che non hanno regnato. Ma qualcosa ora finalmente si è mosso. La stirpe di Primrose reclama di nuovo il dominio sul GranRegno.
Milmay è l’unica, sola, fanciulla che potrà ridare il GranRegno alla casata di Primrose.
Ma sarà veramente lei la nuova regina? Colei che permetterà di far ritornare a regnare i Sette principi? O qualcuno o qualcosa glielo impediranno? 

Scopritelo leggendo questo appassionante nuovo libro della saga.

martedì 21 aprile 2015

PRESENTAZIONE: Una vita a cinque stelle di A. E. Grande

Prezzo: 1,99€

Link acquisto: Amazon e Kobo
Disponibile in digitale
Pagina Facebook

A cosa rinunceresti per realizzare il tuo sogno più grande?
Cristina Mussi ha vent’anni e il suo ultimo album è in testa alle classifiche.
Tutto sembra filare liscio, in fondo cosa desiderare ancora quando tutto ciò che avevi sempre sognato è proprio lì a portata di mano?

Un viaggio a Verona, la città della sua adolescenza, la mette di fronte ad un passato difficile da dimenticare aprendo una porta che sembrava oramai chiusa per sempre ma la vita, si sa, ha il “vizio” di cambiare ogni cosa e di rimettere tutto in discussione.
Perché a volte i sogni nascondono un rovescio della medaglia poco piacevole e tutto quello che si desidera non è ciò di cui si ha realmente bisogno ma forse, lungo il cammino, la vita ci riserva meravigliosi doni che non avevamo neanche mai pensato di chiedere.

giovedì 16 aprile 2015

#2 Diary of a little nerd - Dear March...

Inauguro questa nuova tipologia di post. L'idea è quella di riassumere eventi, letture, canzoni, oggetti o pensieri del mese. Cose belle, brutte, paranoie, incubi, paure...quello che mi salta per la mente insomma.

Ma per Marzo ho deciso di dedicare SOLO pensieri positivi, in quanto non è stato tra i mesi migliori...un bel po' di problemi sul lavoro, con la casa, con l'organizzazione del matrimonio.
In pratica ero senza energie, senza tempo e sempre d'umore nero come la notte. Ma ora dico STOP!
Voglio provare a guardare sempre al meglio di ogni situazione, per cui anche per questo mese oscuro vi parlerò di quelle piccole cose che mi fanno dire: "Vedi che non va tutto male!"
Per chi se lo stesse chiedendo, sì. Parlo da sola. @_@ E anche spesso...<3

E' vero che abbiamo avuto un po' di intoppi, ma che bello iniziare a portar le proprie cose nella nuova casa. Sistemare gli ambienti e i mobili, pensare a come organizzare lo spazio. Anche le pulizie diventano un piacere se la ricompensa è una casetta in ordine. <3

Abbiamo poi consegnato le partecipazioni mancanti, e per farlo abbiamo creato delle occasioni per vedere quei parenti o amici che si vedono di rado.
E se tralasciamo le domande "Ma sei proprio sicura??...Ma perché sposarsi?..." eccetera eccetera, devo dire che anche quest'aspetto mi è piaciuto.

Questo è il premio! <3
Sabato 21 ho avuto una giornata intensa. Nel pomeriggio ho conosciuto Ilaria Rodella, una ragazza solare e dolcissima.
Ho avuto la possibilità di incontrarla perché ho vinto un premio che ha messo in palio sul suo profilo Instagram. Ma che fortuna ho?!  *_*

L'evento di Vanessa che si è svolto nel mio piccolo paese è stata la giusta occasione per trovarci.

Inutile dire che ero agitata...sono molto timida ed ero molto nervosa.

Per calmarmi ho avuto la brillante idea di attraversare il paese a piedi. Quindi ho parcheggiato l'auto dalla parte opposta del centro e ho fatto una "passeggiata".
Direte, bell'idea! Eh no! Perché io non cammino. Corro.
Non lo faccio di proposito, ma la mia camminata mi dicono essere più simile ad una corsa...^^"
Che posso farci? Non sono stata programmata per le passeggiate. Solo per le maratone! :P
Il risultato è stato che sono arrivata all'incontro di Vanessa (anche lei dolce e simpatica, oltre che molto brava) con un arsura atroce, sudata e più agitata di prima. Sono proprio un disastro. Lo so. ^^"

Poi però è arrivata Ilaria, che ha distribuito da bere. Sei stata come la famosa oasi nel deserto. XD
Le impressioni che ho avuto nel leggere il suo blog sono state confermate nel conoscerla di persona.
E' una ragazza simpatica, gentile e con mille idee in mente. Per sua sfortuna ora che mi ha conosciuto ha il tormento. L'ho già detto che sono come una diga? Una volta che prendo confidenza si salvi chi può. XD Ila, mi spiace per te! >///<"
Inoltre a causa sua ho già acquistato un libro Sudden Storm di Chiara Cilli e una camicia di Stradivarius. Le mie finanze non ti ringraziano! ;P
Vi lascio un suo video perché, nel caso qualcuno non lo sapesse, ha anche un canale YouTube.


La stessa sera ho fatto una cena con le mie amiche più intime. E' stato fantastico, siamo state a casa mi sono divertita come una matta. Abbiamo parlato, riso e cantato.

Oddio...cantare è una parola grossa.
Abbiamo improvvisato un karaoke usando lo strumento testo di Spotify.

Il top l'abbiamo raggiunto io e S. quando abbiamo cantato una canzone che ci piace da morire.
My heart is open - Maroon 5 Ft. Gwen Stefani


It won't take me long to find another lover but I want you
I can't spend another minute getting over loving you
If you don't ever say yeah
Let me hear you say yeah
Wanna hear you say yeah, yeah, yeah
My heart is open
!!

Parlando di canzoni. Avete presente quella canzone, quel CD o quella playlist che vi fa impazzire. Nel mio caso è stato un mix di canzoni dei Maroon 5.
La più rappresentativa del mese è senza dubbio Sugar.


Parliamone!!!!
1. Che figo è Adam in questo video? <3
2. Da uno a dieci mi fa venir voglia di cantare e ballare dodici.
3. Mi mette di buonumore!

Se qualcuno di voi ha letto Oltre le regole nella mia testa la base di Rule è senza dubbio lui! >///< Anche se si può adattare a molti personaggi. Quando uno è così! :D

Ah la vaniglia! Ossessione del mese!
Yogurt greco, candele profumate, fragranza corpo e persino la camomilla. Tutto alla vaniglia! ^_^

Insomma, questo è un post che può sembrare senza senso.

Ma credetemi che spesso concentrarmi su un piccolo aspetto felice mi aiuta nei momenti peggiori. Come già vi avevo accennato qui.

Se siete arrivati a leggere fino alla fine, complimenti per la pazienza! >///<

Ditemi, il vostro Marzo com'è stato?

Good life! <3

venerdì 10 aprile 2015

Letture di Febbraio e Marzo

Buona sera lettori!! Letture di Febbraio!

Storia di una ladra di libri di Markus Zukak
Titolo originale: The Book Thief
È il 1939 nella Germania nazista. Tutto il Paese è col fiato sospeso. La Morte non ha mai avuto tanto da fare, ed è solo l'inizio. Il giorno del funerale del suo fratellino, Liesel Meminger raccoglie un oggetto seminascosto nella neve, qualcosa di sconosciuto e confortante al tempo stesso, un libriccino abbandonato lì, forse, o dimenticato dai custodi del minuscolo cimitero. Liesel non ci pensa due volte, le pare un segno, la prova tangibile di un ricordo per il futuro: lo ruba e lo porta con sé. Così comincia la storia di una piccola ladra, la storia d'amore di Liesel con i libri e con le parole, che per lei diventano un talismano contro l'orrore che la circonda. Grazie al padre adottivo impara a leggere e ben presto si fa più esperta e temeraria: prima strappa i libri ai roghi nazisti perché "ai tedeschi piaceva bruciare cose. Negozi, sinagoghe, case e libri", poi li sottrae dalla biblioteca della moglie del sindaco, e interviene tutte le volte che ce n'è uno in pericolo. Lei li salva, come farebbe con qualsiasi creatura. Ma i tempi si fanno sempre più difficili. Quando la famiglia putativa di Liesel nasconde un ebreo in cantina, il mondo della ragazzina all'improvviso diventa più piccolo. E, al contempo, più vasto. Raccontato dalla Morte - curiosa, amabile, partecipe, chiacchierona - "Storia di una ladra di libri" è un romanzo sul potere delle parole e sulla capacità dei libri di nutrire lo spirito.

Bellissimo libro. Lettura particolare, ma assolutamente consigliata. Resta nel cuore.
Sì, lo so. Sono l'unica sulla faccia della terra che non aveva ancora letto questo libro. Ma ho recuperato! Meglio tardi che mai! :P

- Origin di Jennifer L. Armentrout
Serie "Lux"
Sono passate trentuno ore, quarantadue minuti e venti secondi da quando le porte del quartier generale di Dedalo si sono chiuse, separando Daemon da Katy, rimasta nelle mani del nemico. E la rabbia che il giovane alieno sente bruciare dentro cresce a ogni istante, facendo tremare le pareti della cella in cui i suoi stessi compagni lo hanno rinchiuso per impedirgli di andare a salvare Katy: una follia che metterebbe a rischio la sua vita e la sicurezza dell’intera comunità dei Luxen. Ma Daemon sa che niente e nessuno potrà mai tenerlo lontano dalla ragazza che ama: anche se questo significasse radere al suolo tutto il suo mondo. Katy, intanto, può solo cercare di sopravvivere. Tenuta prigioniera e sottoposta a misteriosi test, entra in contatto con gli uomini di Dedalo, scoprendo scenari finora insospettabili che mettono in crisi tutte le sue certezze. È davvero possibile conoscere fino in fondo quelli che ami? Chi sono i cattivi? Dedalo? Gli umani? O magari gli stessi Luxen?
Salutato dai lettori americani come il “romanzo della svolta”, Origin stupirà tutti i fan della serie con i suoi sensazionali colpi di scena: un libro imperdibile.

Amo questa serie. L'ho già detto e ripetuto fino allo sfinimento. :( Ma cosa posso farci?

Vi dico solo che a Febbraio ho avuto un leggero malessere e mio Zio mi ha chiesto se avessi l'influenza. La mia risposta?
"Ma no!! Magari sono stata curata da un Luxen e mi sto trasformando in un ibrido!" 
.....

Ho letto il libro con il fiato sospeso. Fino all'utima pagina. Crea dipendenza, l'ho già detto??
Armentrout non si smentisce, è all'altezza di ogni più rosea aspettativa. E i protagonisti in questa storia rubano il cuore.
Daemon Black era pungente come un riccio quando era di malumore, ma sotto quell'armatura si nascondeva un tipo dolce, protettivo e incredibilmente altruista. Aveva dedicato tutta la vita a difendere la sua famiglia e i suoi simili, pronto a lottare contro qualsiasi pericolo, senza preoccuparsi per la sua incolumità.
Nessuna parola è fuori posto e in questo capitolo si offre una visione più completa di Daemon e dei suoi sentimenti. Scelta che ho apprezzato tantissimo essendo il mio personaggio preferito. ^^"
Non voglio dimenticarmi di Katy, che è un personaggio altrettanto importante. 
Le ore si trasformano in giorni e i giorni forse in settimane, senza che ne avessi una percezione sicura. Ora capivo come mai Dawson aveva perso la cognizione del tempo. Tutto si confondeva e non riuscivo a ricordare l'ultima volta che avevo visto il sole, o il cielo di notte. (...) Avevo perso peso, la capacità di sorridere, di ridere e piangere. Mi restava solo la rabbia, che non faceva altro che crescere insieme al senso di frustrazione ogni volta che mi trovavo davanti Mo o un altro ibrido che non conoscevo, e non volevo conoscere visto quello che dovevamo fare.
Fondamentale per Dedalo è anche il legame che hanno Katy e Daemon. La loro sintonia e ciò che provano uno per l'altro.

In questo capitolo si confondono le carte in tavola. Si scopre meglio chi è Dedalo e cosa vuole dai Luxen.
Luc abbassò la testa, poi mi guardò e disse: "La più grande debolezza di Dedalo è l'arroganza. Il bisogno di creare qualcosa che non dovrebbe esistere, di controllare ciò che non può essere controllato. Stanno giocando con il fuoco, amico mio, scherzano con l'evoluzione. E storie del genere non finiscono mai bene."
Viene piantato il seme del dubbio che possano esistere dei Luxen che hanno l'obbiettivo di schiacciare l'umanità. Ma qual è la realtà? A chi credere? A Katy non resta altro che seguire il cuore.
Personaggio che ho riscoperto in questo libro è senza dubbio Luc. Figura enigmatica, che confonde, ma che scopro essere anche molto simpatica.
"Non ho tutto il giorno, signori. Sono una persona impegnata. E voglio fare il mio pisolino, questo pomeriggio. Poi devo guardare un film in streaming e in ufficio ho un buono per un mega sandwich che mi aspetta" 
Come negli altri libri c'è una lotta. Aspetto che non viene sminuito nella narrazione, anzi è ben sviluppato e molto avvincente.
Per te che ancora non hai letto questa serie, scusa! Ma non posso non mettere questa citazione, perdono! Ma non posso. E' una dichiarazione favolosa! Anzi è La dichiarazione.
"In una settimana ci sono centosessantotto ore. Circa ottomilasettecento ore in un anno, e sai cosa?"
Sorrise. "Cosa?"
"Io voglio passare ogni secondo, ogni minuto, ogni ora con te." Non riuscivo a credere che una cosa così sdolcinata mi fosse uscita dalla bocca, ma era così bello e vero. "Voglio che i miei anni siano composti di secondi e minuti passati insieme a te. Parlo di decenni solo per noi."

- Lanty&cookies di Tiziana Iaccarino
Lanty è una stilista di accessori dalla vita professionale perfetta: ha intrapreso l'attività dei suoi sogni e sta per aprire uno showroom nel quadrilatero della moda milanese, in via Montenapoleone.
Tutto sembra procedere per il meglio se non fosse che la sua vita privata, al contrario, va completamente a rotoli o meglio... che i suoi rapporti con il marito Marcello, giornalista, non siano proprio idilliaci.
A tormentarla è un problema quasi inconfessabile: è in totale astinenza sessuale! Tutta colpa di un marito che non le si concede da un anno, che le sfugge in ogni modo e le offre l'occasione di rimettere in discussione il loro rapporto. Ma Lanty non si dà per vinta ed escogiterà qualunque sistema, persino bizzarro, per risvegliare i sensi sopiti del coniuge. Ma proprio nel momento in cui pensa di gettare la spugna, ecco che a liberarla dalla sua astinenza ci pensa Giorgio, brillante avvocato amico di suo marito.
La nostra protagonista, però, non immagina che dietro l'angolo ci sia ad aspettarla una scoperta che rimescolerà le carte in gioco e le cambierà la vita per sempre.
Lanty&Cookies è una commedia dal sapore piccante e una bordatura appena erotica, ma brillante. Ha già conquistato centinaia di persone nella sua prima edizione e si rivelerà scoppiettante e ricca di retroscena inaspettati in questa nuova edizione che offre il titolo a una serie vera e propria con la quale le avventure di Lanty continuano!

Molto curiosa di leggere la continuazione. Post dedicato --> QUI

- Oltre le regole di Jay Crownover
Titolo originale: Rule - The Tattoo Trilogy
Shaw Landon è la tipica brava ragazza di buona famiglia. Sa cosa i suoi genitori si augurano per lei: voti eccellenti, un lavoro come medico, un ragazzo benestante e rispettoso che la conduca all’altare. Eppure, da sempre, Shaw è attratta da tutt’altro. Soprattutto da ciò che è l’esatto contrario di quello che dovrebbe desiderare…
Rule Archer è bellissimo, fa il tatuatore, è sfacciato e arrogante, una luce negli occhi che non sembra promettere niente di buono, ma ha un sorriso capace di sciogliere un iceberg. E soprattutto è abituato a prendersi ciò che vuole. Ogni sera si porta a letto una ragazza diversa, salvo poi non ricordarne neppure il nome il mattino successivo. Rule sa bene che la bella Shaw è rigorosamente off limits, ma sembra diversa da tutte le altre ed è così difficile rinunciare anche solo ad assaggiare quell’invitante frutto proibito…


Vi invito a dare una possibilità a questo romanzo. Lettura leggera e piacevole. Post dedicato ---> QUI

Non ho intenzione di combattere il passato quando finalmente il futuro sta diventando qualcosa in cui voglio investire.
L'importanza di chiamarsi Cristian Grei di Chiara Parenti
Cristian Grei ha trentadue anni e una sola, acerrima nemica: E. L. James, che con le sue 50 Sfumature gli ha rovinato la vita. Tutte le donne, infatti, appena sentono il suo nome, vedono in lui un dominatore in 3D e l'incarnazione delle più proibite fantasie erotiche. Ma se vivi a Prato, fai il becchino nell’agenzia di onoranze funebri di famiglia e sei ipocondriaco, avere il nome "uguale" a quello del più grande amatore di tutti i tempi, che si sposta in elicottero ed è a capo di un’azienda leader mondiale, può creare una costante e fastidiosissima ansia da prestazione.
Solo Antonella, l'amica di sempre, è in grado di divertirsi giocando con lui e tenere a bada le sue mille ansie, ma soprattuto è disposta ad amarlo per quello che è realmente.
Cristian Grei riuscirà finalmente a capire che è lei la donna giusta? E soprattutto sarà “pronto a riceverla”?


Divertente, intrigante e mai banale. Chiara Parenti non delude. Post dedicato --> QUI

- Ti presento il mio ex di Valeria Angela Conti
Cosa avrei potuto dire a Steve in questa situazione così imbarazzante? Caro, ti presento il mio ex?
Lauren ha una vita tranquilla, una migliore amica fedele e un ragazzo fantastico. Tutto potrebbe essere perfetto se non fosse per Mark, il suo ex fidanzato, del quale è ancora segretamente innamorata.
Mark torna da lei deciso a riconquistarla, gettando la ragazza nel panico e rischiando di minare la relazione con Steve, il suo fidanzato.
Tra divertenti avventure, fraintendimenti e tanti pasticci, Lauren dovrà scegliere a chi donare il suo cuore perché in fondo, tutte le donne hanno un ex da dimenticare.

Altro esempio di ottima scrittura italiana. La copertina è un amore. E la storia non è da meno. Fa sorridere, ma anche riflettere.
Spesso non si apprezza ciò che si ha solo perché è già nelle nostre mani. E si vuole di più, qualcosa di diverso, solo per il gusto di averlo. Salvo poi restarne delusi e rimpiangere il passato.

- La terza luna di Barbara Baraldi
Scarlett ha sedici anni e un nome rosso come il fuoco ma sono due occhi di ghiaccio a trafiggerle il cuore. Quando vede Mikael, il bassista dei Dead Stones, sul palco al concerto della scuola, capisce subito che niente sarà più come prima. È irresistibile, talmente bello da non sembrare vero. Anche Mikael sembra essere attratto da Scarlett, eppure un attimo dopo la respinge come se un'ombra misteriosa incombesse su di lui e non gli permettesse di abbandonarsi ai sentimenti. Il giorno in cui il bibliotecario della scuola viene assassinato da una creatura soprannaturale, Scarlett scopre il segreto di Mikael. Non è umano, lui è un Guardiano, un Mezzo Demone. Il suo compito è difendere gli umani dalle incursioni dei Demoni, preservando così l'equilibrio tra i due mondi. L'amore tra Mikael e Scarlett è impossibile. Se il ragazzo si abbandonasse fino in fondo alle passioni la sua componente demoniaca prenderebbe il sopravvento, rischierebbe di precipitare all'inferno e di compromettere per sempre la sua missione sulla Terra. Mentre la guerra tra Demoni e Guardiani si fa ogni giorno più accesa, Mikael e Scarlett insieme devono combattere per salvare il loro amore. Un amore talmente grande da rendere, forse, possibile anche l'impossibile.

Ho aspettato tanto il terzo capitolo di questa trilogia. E sono stata felicissima di scoprire che l'autore della copertina fosse il mio amato Paolo Barbieri. I suoi disegni sono pura magia. <3

Scarlett in questo capitolo sa cosa vuole, ma non sa come ottenerlo. Ha paura per lei e per Mikael ed è messa di fronte all'ennesima prova.
E mi detesto anche per questi pensieri negativi, perché io lo amo e vorrei vivere la nostra storia con la stessa serenità e, perché no, la leggerezza delle ragazze della mia età. Ma a volte mi chiedo se non sono soltanto un'illusa.
Teme di non riuscire a cogliere tutto quello che la loro storia può dare, e rischia di mettere a repentaglio tutto.
Come per i precedenti capitoli per metà della lettura mi sono trovata ad incitare Scarlett e per l'altra metà a sgridarla. E' un po' come vedere un'amica che sbaglia o che si ferisce per le proprie scelte ed essere impotenti.
Gli antagonisti introdotti per La terza luna sono Dimitri e Nina. Due gemelli, di una bellezza eterea, ma che nonostante l'aspetto mettono in soggezione Scarlett per le sensazioni che i loro gelidi sguardi le lasciano.
Alla situazione già abbastanza articolata si va ad aggiungere la crisi esistenziale di Caterina e il bad boy per eccellenza: Vincent...
Lui è la persona che mi spaventa di più al mondo. Non perché temo che possa farmi del male. A terrorizzarmi è il fuoco che arde dentro di lui e che accende i miei desideri più irrazionali. Vincent, il suo temperamento irrequieto e la sua aria da maledetto. E' istinto allo stato brado, spirito indomabile e passione sfrenata. Per quanto mi sia impegnata, non sono mai riuscita a razionalizzare ciò che davvero provo per lui. (...) Quando si tratta di lui, la linea fra attrazione e avversione si fa sfumata.
Bella storia, bell'epilogo per questa trilogia. Ma l'unica pecca che ho trovato riguarda la fase dello scontro finale. Proprio perché per essere lo scontro finale l'ho trovato troppo breve e di conseguenza poco coinvolgente. Parlo ovviamente per i miei gusti, mi appassionano maggiormente pagine e pagine di combattimenti e azione. ^^"

La paura di essere inadeguata alle sfide del futuro è sempre presente, ma mi sforzo di fare mie le parole che un giorno mi ha detto Edoardo, aprendo un libro a caso: "Le peggiori prigioni le costruiamo noi stessi con le nostre paure".


Lettura consigliata!

- Il mio ricordo di te Giulia Anna Gallo
Chiara sa bene che cosa voglia dire doversela cavare da sola. Abbandonata in tempi diversi da entrambi genitori, ha infatti imparato la più dura delle lezioni: al mondo non può contare che su se stessa.
All'ombra dei dolorosi ricordi di un'infanzia felice ma dal retrogusto amaro, ha sepolto in profondità i propri sentimenti, diventando un'adolescente disillusa e amareggiata.
La monotonia dei suoi giorni, così come la sua indifferenza, sembrano però destinate ad aver fine con il ritorno del cugino appena  uscito di galera, per lei da sempre come un fratello.
Quando la corazza faticosamente costruita attorno al suo cuore inizia a incrinarsi, Chiara può finalmente lasciare spazio ai propri sogni, alle speranze per il futuro e a un ragazzo dallo sguardo enigmatico che sembra capirla come nessun altro.
Eppure, come il passato insegna, amare significa rendersi vulnerabili. E quando il desiderio di essere avvolti dal calore di una famiglia è tanto forte da rendere ciechi, i segreti di coloro a cui si tiene potrebbero prendere il sopravvento e minacciare di distruggere tutto...

E' un bel racconto, il viaggio nella vita di Chiara, tra presente e passato, per trovare le risposte al suo futuro.
La verità è che nessuno è in grado di affondare il colpo tanto profondamente quanto coloro a cui tieni, nessuno può tradirti se prima non gli hai dato incautamente fiducia. Non è dalle persone che ti sono indifferenti che ti devi guardare, ma da quelle alle quali -inconsciamente!- hai fornito un simile potere sul tuo destino del tuo cuore.
Una ragazza che ha sofferto, abbandonata dai genitori e cresciuta da sola.
Loro mi amavano, ne sono certa, solo non abbastanza. Non abbastanza da restare, non abbastanza da essere felici senza bisogno d'altro che del mio amore.
Ha solo Alex che le vuole bene, ma suo cugino non fa le scelte giuste. Conduce una vita sull'orlo del baratro. E a a scherzare con il fuoco, prima o poi ci si scotta.
Non mi rendevo conto di quale fosse realmente la sua colpa. Vedevo soltanto il pentimento, l'affettosincero che nutriva nei miei confronti, il suo desiderio di riparare. Non aveva voluto farmi del male, non era mai stato nelle sue intenzioni mettermi in pericolo. Quello che allora non capivo era come le intenzioni, dopo tutto, non abbiano poi molta importanza quando i risultati si rivelano nocivi.
(...) Non aveva mai pensato di proteggermi da se stesso.
Anche se il finale non mi ha soddisfatto del tutto è una bella lettura.

- A letto con il nemico di Angela D'Angelo
Cristina De Santis è una donna pratica ed equilibrata, ma quando segue le partite della Stars Roma, la squadra di pallacanestro in cui gioca suo fratello Edoardo, si trasforma in una sostenitrice appassionata, aggressiva e sanguigna.
Soprattutto con gli avversari arroganti, presuntuosi e un po’ duri. Come Nicola Zanini, capitano della squadra rivale e nemico storico di Edoardo: sguardo magnetico e un fisico che toglie il fiato più di una pallonata allo stomaco. La rivalità tra i due uomini non ferma Nico, che inizia a fare una corte spietata a Cristina. Con lui, lei ritroverà se stessa, anche se sarà difficile abbandonarsi completamente. Una donna che ha già visto fallire i suoi sogni può fidarsi di un uomo? A maggior ragione se è il nemico?
Quando l’attrazione diventa incontrollabile, la passione supera qualsiasi rivalità sul campo.

Dolce, coinvolgente e piccante. Post dedicato --> QUI

- Finalmente mio di Angela D'Angelo
Alessia è una microbiologa di tutto rispetto: donna equilibrata, bella, una preda appetibile per i colleghi. Eppure l'unico uomo che le interessa, il suo capo, la guarda senza vederla...
Lavorare dodici ore al giorno per Alessia non era mai stato un problema, non fino a quando riusciva a tenere a bada l'attrazione per il suo capo. Giorgio Bruni, freddo e geniale ricercatore, sapeva bene che cosa lei provasse per lui, eppure la ignorava. O forse fingeva di farlo. Perché prima doveva superare le terribili delusioni del passato, per immaginare di poterle donare il suo cuore, oltre al suo corpo...

Racconto breve. Ero curiosa di leggere quale fosse stato l'esordio di quest'autrice.

Le letture di Marzo sono scarse...  :(

- Solo un attimo di Valeria Marasco 
Sarah è una donna determinata e costantemente concentrata sul suo lavoro di grafica pubblicitaria. Nella quotidianità non c'è spazio per l'amore, i suoi progetti potrebbero decollare da un giorno all'altro e le sue due amiche e confidenti condividono con lei la voglia di affermarsi nel mondo del lavoro. Presto, però, un incidente cambierà ogni cosa stravolgendo la sua vita stabile e incolore. Christian, un uomo affascinante e irritante, entra prepotentemente nella sua vita rubandole un bacio durante il loro primissimo incontro. Sarah è sorpresa dall'emozione che quel bacio le suscita e non riesce più a mantenere la parvenza di autocontrollo che si è costruita negli anni per proteggersi dalle delusioni. Le cose sono destinate a cambiare sempre più e, un avvenimento al di fuori di ogni schema, catapulterà lei e Christian in qualcosa di assolutamente irreale che costringerà i due ad avvicinarsi e ad accantonare il loro orgoglio per cercare di ritornare alla normalità . Ma i due protagonisti vogliono davvero ritornare alla vita di prima? Il destino compirà ogni scelta al loro posto e per maledizione o per fortuna, le loro esistenze cambieranno per sempre. 

Romanzo particolare. Originale e ben strutturato. 
I personaggi sono reali ma un qualcosa, o qualcuno, porta una nota di suspance nel racconto. 
Infatti la storia l'amore si confonde con la magia e il mistero. Piacevole lettura.
 
- La terra di Nessuno - Jolly Roger Vol.1 di Gabriele Dolzadelli
1670. In un clima di scontri per la colonizzazione del Nuovo Mondo e per la supremazia commerciale, un giovane irlandese di nome Sidvester O'Neill parte per il Mar dei Caraibi con destinazione l'isola di Puerto Dorado. Lo scopo è quello di ritrovare il fratello Alexander, partito anni prima, per riportarlo a casa. Ma il viaggio avrà risvolti inaspettati. Nelle oscurità della giungla della piccola isola vi è nascosto un segreto a cui le principali potenze europee (Francia, Inghilterra ed Olanda) ambiscono. Intrighi, inganni e complotti farciscono le giornate di Puerto Dorado, in una lotta al potere fra i più astuti capitani presenti sull'isola. Il tutto sotto l'occhio vigile di una nave pirata ancorata all'orizzonte, di fronte a quella piccola terra di tutti e di nessuno.

Ottimo autore, che con le parole da vita ad un racconto avvincente.
Post dedicato --> QUI

- Non dirmi no di Kristen Ashley
Titolo originale: Mystery Man
Mentre sta bevendo un cocktail, Gwendolyn Kidd incontra l’uomo dei suoi sogni. Trascorrono la notte insieme, ma quando si sveglia si ritrova da sola. La paura di avere perso l’uomo perfetto lascia presto il posto a una strana relazione con un uomo misterioso che, notte dopo notte, ritorna da lei. Ma di cui non conosce nemmeno il nome. Mentre Gwen sta lottando per cercare di porre fine a questo folle non-rapporto, Ginger, l’amico della sua vivace sorellina la avverte che sono in pericolo. Gwen non ha idea di cosa stia succedendo, ma è abituata alle buffonate di Ginger, così decide di lasciar risolvere a lui il problema. Pessima scelta. E solo mentre Gwen si troverà in mezzo a inseguimenti, rapimenti e detective, comprenderà il motivo per cui Hawk, l’uomo del mistero, la teneva a distanza…

Racconto senza pretese. Ma troppo...troppo. Suvvia, non è la prima volta che si legge di donne che si abbandonano alla passione con uno sconosciuto. Ma che lui per un anno si introduca (non si sa come) in casa di lei, senza mai approfondire un minimo di conoscenza.
Andiamo?!? Non sai neanche il suo nome! Niente!
Ma lui conosce tutto di te! Pronto Gwen??? Ci sei?
Poi tutti gli uomini che cadono ai suoi piedi. Va bene tutto...però ti dico no! Sorry.

- Sei sempre stato tu di Chiara Cilli
Lucrezia ha ventiquattro anni, e ama la vita notturna. Soprattutto da quando, dopo la brutta fine della sua storia d'amore, un po' per gioco, un po' per vendetta, ha iniziato a uscire con le amiche in cerca di avventure e flirt di una sola notte. «Niente legami, niente dolore» è il loro motto. La strategia sembra funzionare e Lucrezia ha collezionato un numero sufficiente di conquiste da poter considerare del tutto guarite le sue ferite, anche se nessuna l'ha mai soddisfatta pienamente. Finché non incontra Fabrizio: sexy, affascinante e arrogante quanto basta. In quella torrida sera sulla spiaggia, lui è destinato a diventare la preda di Lucrezia. Ma, al risveglio, dopo una notte di passione, le cose non vanno come previsto. Perché Fabrizio non ha intenzione di farsi scaricare come un giocattolo qualsiasi ed è disposto a tutto, persino a tenerla prigioniera nel suo appartamento, pur di farle ammettere che quella notte è stata speciale, e il sesso con lui è stato il migliore della sua vita. Lucrezia però è testarda e orgogliosa e, nonostante sia molto attratta da quel ragazzo misterioso, non cederà facilmente. Tra frecciatine maliziose e colpi bassi, inizia così un provocante ed erotico braccio di ferro in cui ognuno vuole ottenere qualcosa dall'altro. Ma, quando l'amore ci mette lo zampino anche la ragazza più caparbia e il ragazzo più arrogante sono destinati a capitolare. 

Ho provato a leggere qualcosa di questa collana di Sperling & Kupfer per curiosità.
Ho letto il nome di Chiara Cilli, di cui ho acquistato recentemente Sudden, e sono caduta in tentazione. Racconto leggero, scorrevole ed intrigante.

Avete letto qualcosa tra i libri che ho citato tra le mie letture? Aspetto il vostro parere.
Buone letture! <3

mercoledì 8 aprile 2015

PRESENTAZIONE So cosa ti piace di Susanna Scandella



Genere: new adult, romanzo rosa, sentimentale e ironico.
Self publishing
Pagine: 215
Prezzo: € 0,99
Link: Amazon
Link: Kobo

Evelyn Spencer, brillante studentessa dell'università di Dartmouth, ha un problema di concentrazione a letto.
Con il suo ragazzo Jake la passione non manca, ma per quanto impegno ci metta Evelyn non riesce mai a raggiungere il culmine del piacere.
Persino da sola ha delle difficoltà, ma la sua vita raggiungerà una svolta quando si deciderà a comprare un sex toy con il quale riuscirà a trovare la pace dei sensi.
A un certo punto, però, anche quello non basta più. Perché a Evelyn manca il contatto umano, il calore di un ragazzo che si sdrai al suo fianco dopo una notte d'amore.
E l'unico che sembra sapere cosa lei voglia è Lester McHall. Lo stesso Lester McHall che è stato suo compagno al liceo, quello che le ha fatto passare anni d'inferno prendendosi gioco dei suoi sentimenti e diventando il suo bullo personale. Per quanto la curiosità di Evelyn sia incontenibile, deve riuscire a evitare di finire in fondo alla lista delle sue conquiste di una notte, perché lei non è quel tipo di ragazza. Eppure, quando una sera decide di cogliere l'attimo, non riesce a pentirsene. Perché Lester sa esattamente cosa le piace...


"So cosa ti piace" è un romanzo new adult, che spera di far sorridere con la sua ironia ed emozionare con la passione e il romanticismo che lo caratterizzano. Non vi resta che leggerlo!

Susanna Scandella è nata a Como nel 1990, ha ventiquattro anni ed è mamma di una splendida bambina. Ha studiato Ragioneria e ha lavorato per tre anni in uno studio professionale.
Ha sempre avuto la passione per la lettura e quando ha deciso di provare a scrivere ha trovato finalmente la strada dei suoi sogni, potendo fare ciò che ama di più rimanendo accanto a sua figlia.
Pagina facebook di Susanna Scandella.

Estratto:

Ero quasi arrivata alla mia aula, quando Lester mi raggiunse. Non sapevo che anche lui fosse nella mia stessa classe. Mi camminava accanto, senza dire niente. Sembrava stesse ragionando su qualcosa e la curiosità di conoscere i suoi pensieri era davvero alta. Con quel ragazzo rischiavo di impazzire. Prima di entrare in aula si fermò e mi sentii quasi costretta a bloccarmi anche io.
«Non vieni?», domandai ingenuamente. Lui osservò la porta di legno, come se si fosse reso conto solo in quel momento dove si trovasse.
«Non ho lezione adesso».
Ah. «E cosa ci fai qui?».
Mi scrutò con un’espressione assorta. Sembrava su un altro pianeta.
«Non capisco. Esci con Danny Rowitz? Sai quanto è scemo quella sottospecie di ragazzo?».
Ero sorpresa e allibita. E anche un po’ oltraggiata, sì. Chi si credeva di essere per dirmi con chi potessi uscire?
«Sottospecie di ragazzo? Adesso ti eleggi a giudice? A me è sembrato molto simpatico», deglutii sperando che non si accorgesse del mio tentennamento. La storia della riga sulla macchina me l’aveva fatto inquadrare esattamente come lo aveva dipinto Lester. Ma non c’era alcun bisogno che lui venisse a saperlo.
«Ah, ti piace quel tipo di ragazzo quindi?», mi si parò davanti e me lo ritrovai a pochi centimetri dal mio corpo.
Il cuore iniziò a battermi più veloce, contro ogni mio sforzo per mantenerlo tranquillo. Più rimanevo nelle sue vicinanze e respiravo il suo profumo, più rischiavo di avere un infarto.
«Sei davvero così presuntuoso da credere di sapere ciò che mi piace e ciò di cui ho bisogno?».
A quel punto anche io mi stavo inconsciamente avvicinando al suo viso e mentre i nostri sguardi erano legati, il mio respiro si fece più concitato.
Mi stavo arrabbiando. Ed eccitando. Da morire. Il che per me sarebbe stato un problema se non fossi riuscita a sfogare le mie emozioni, come al solito.
«Non è presunzione, la mia è semplice obiettività. Io so cosa ti piace».
La sua bocca era a pochi centimetri dalla mia.
«Come puoi saperlo?»
«Perché sono bravo Evelyn. Lo sono davvero».
A quel punto i nostri corpi si stavano quasi per toccare e io ero propensa a dare una botta in testa alla mia vocina, che urlava di scappare da Lester McHall, lo sciupafemmine, e lasciarmi trasportare dalle sue parole. Ero talmente su di giri che gli avrei permesso di dimostrarmi mille volte le sue teorie.
«Quando vorrai uscire con qualcuno che ti capisca sul serio, vieni da me».
Si allontanò spezzando l’incantesimo e interrompendo bruscamente tutti i pensieri sconvenienti degli ultimi due minuti. Lo guardai attraversare il corridoio con ancora le sue parole nella testa. Ma la mia mente era di nuovo sotto controllo, perciò entrai in classe sedendomi al mio solito posto con tranquillità. Peccato non fossi ancora riuscita a tenere a bada il mio corpo perché i fremiti di aspettativa furono dolorosi da mettere a tacere nell’ora successiva.
Lester McHall mi stava entrando dentro. E non nel senso letterale del termine.
La faccenda più preoccupante era che non sapevo se ne fossi contenta o disperata.

Buona lettura! <3

Quattro chiacchiere con Elena Rose

Ciao Elena, grazie per avermi dedicato del tempo. 
Il tuo romanzo d'esordio è finalmente acquistabile negli store Kobo e Amazon.
Raccontami com'è nata l'idea del romanzo e quali sono state le reazioni delle persone che ti sono state vicino dagli inizi di quest'avventura.

Ciao! Grazie a te che mi dedichi un angolino del tuo blog.
Il romanzo è nato per gioco, volevo testare le mie capacità su qualcosa di più impegnativo e ho tentato. Pagina dopo pagina mi appassionavo alla storia e mi affezionavo ai protagonisti.
Ho avuto parecchie persone vicine che mi hanno supportata e aiutata e grazie a loro ora sono terribilmente felice! Giuro che sto esplodendo dall'emozione!

A solo 21 anni hai il tuo blog, l'esperienza in radio e ora la scrittura. Hai altri sogni nel cassetto? 
Tranquilla, non farò come le vecchie zie che ti chiedono, "Cosa vuoi fare da grande?" XD
A dire la verità non credevo di poter fare tutto questo! Mi sono buttata e ne ho ricavato tantissime soddisfazioni. Ho un solo sogno nel cassetto, continuare ad essere felice. Sembrerà banale ma credo che rendere orgogliosa la propria famiglia, gli amici e la persona che ami sia il più bel sogno che si possa avere!

Ad oggi, quest'esperienza dei social e del blog cosa ti ha portato?
Mi ha portato a conoscere persone speciali e stupende. Ho avuto un sacco di gioie grazie a questa avventura e spero di averne ancora. Non mancano le batoste, quelle arrivano sempre. Però devo dire che anche grazie a questa esperienza ho imparato a tenere duro e seguire i miei sogni anche se qualcuno ti rema contro.

Ti guardo da quassù è ambientato a Londra. Come mai questa città?
Ho avuto la fortuna di soggiornare a Londra qualche giorno e me ne sono innamorata! L'atmosfera che si respira e le persone che ci vivono rendono tutto magico e speciale. Ci voglio tornare!

Tre aggettivi per descrivere il tuo libro?
Coinvolgente, irriverente e perché no, commovente.

C'è un tratto caratteriale che invidi a uno dei tuoi personaggi? Se sì, quale e perché.
Invidio molto la tenacia di Ian, ammiro chi continua a credere nell'amore nonostante le difficoltà.

In quale personaggio ti rispecchi di più e perché.
Sicuramente la piccola Ginny. Anche lei, come me, si chiude a riccio e servono imprese titaniche per smuoverla dalla sua testardaggine. Quando però si innamora, dona l'anima.

Se puoi sognarlo, puoi farlo. W. Disney. 

E' la citazione che apre l'ebook. Film Disney preferito?
La bella e la bestia sicuramente! Anche io ho sempre sognato una libreria personale!

Giochiamo un po' con i film Disney. 
Il gioco della torre. Puoi salvarne solo uno. E motiva la tua scelta. ;P
1. Ariel (La sirenetta) Vs. Belle (La bella e la bestia)
La bella e la bestia, il film inizia con lei che legge un libro! Non c'è paragone ;)
2. Capitan Uncino (Le avventure di Peter Pan) Vs. Lady Tremaine (matrigna di Cenerentola)
Capitan uncino, ho sempre sperato che in qualche sequel diventasse buono :)
3. Biancaneve Vs. Principessa Jasmine (Aladdin)
Jasmine perché vola sul tappeto volante, anche io voglio farlo!

Se avessi l'opportunità di scegliere tre personaggi letterari con cui fare un viaggio per il mondo. Chi sceglieresti e perché.
Sceglierei Dorian Grey per come riesce a vedere la bellezza e i fratelli Grimm per la loro fantasia.
Invece per una sessione di shopping sfrenata?
Sophie Kinsella, Miranda Prostley e Andy Sachs.

Chi potrebbe diventare tuo amico/a e chi tuo nemico/a tra i personaggi della letteratura contemporanea.
Shura de "il cavaliere d'inverno" diventerebbe oltre che mio amico anche il mio idolo.
La mia nemica giurata sarebbe sicuramente Mrs Robinson da "50 sfumature di grigio" :)

Ringrazio di cuore Elena!
Vi lascio il link al post dedicato: "Ti guardo da quassù".
Good life! <3

Ti guardo da quassù di Elena Rose

Ginny sedeva al suo tavolo preferito bevendo latte macchiato. Aspettava le amiche di una vita per una serata fatta di pettegolezzi e risate spensierate. Il telefono prese a squillare e il suo mondo si ritrovò, d’un tratto, in bilico sul bordo di un baratro. Caroline, la ragazza con cui aveva condiviso tutto fin dai primi mesi di vita, giaceva immobile sull’asfalto con i capelli sporchi di sangue. Un pirata della strada l’aveva strappata alla vita e alle braccia delle sue amiche.
Da quel giorno per Ginny, nulla fu più lo stesso. I sorrisi avevano lasciato posto ai tormenti e i sogni erano stati sostituiti dal dolore. Ginevra si era chiusa nella sua bolla dove i ricordi erano banditi e il passato dimenticato, ma qualcosa o qualcuno l’avrebbero costretta ad affrontarli.
Ian, con la sua schiettezza disarmante, cercherà di far tremare il suo mondo inventato, facendole scoprire il potere di un bacio e di un abbraccio.


“La testa le diceva di scappare da quei disarmanti occhi blu, ma il cuore scelse di seguire un’altra via.”
Un’emozionante storia che racconta come l’amore può curare le crepe di un’anima ferita.

Io credo ci siano due modi per superare la perdita di una persona cara. Puoi evitare di pensarci e seppellire il dolore in un angolino del cuore o puoi affrontarlo e soffrire fino a non avere più lacrime.

Dopo la presentazione ecco la mia opinione sul romanzo d'esordio di Elena Rose. Sono sempre contenta di leggere bei romanzi, scritti da ragazze che decidono di intraprendere il percorso del Self publishing.

E' vero che l'abito non fa il monaco, ma la copertina non è fantastica? Elegante e raffinata. *_*

I protagonisti del racconto sono Ginevra e Ian, due ragazzi segnati dal loro passato.
L'autrice, nei capitoli iniziali, aiuta a capire e conoscere i protagonisti. Che sono ragazzi finalmente normali, con storie importanti.

Ginny è una ragazza che ha delle reazioni molto simili a quelle che io stessa potrei avere in situazioni analoghe.
Si chiude a riccio. Soffre per la perdita della sua migliore amica e ha perso fiducia negli altri. In fondo se non li lascia avvicinare non rischia di soffrire...non più.
Sembrava così piccola e indifesa sotto la sua dura corazza fatta di risposte acide e sguardi di fuoco.
Ian è un ragazzo dedito al lavoro. Che è il centro della sua vita. Ho apprezzato che, nonostante il suo bell'aspetto, non giochi le tradizionali carte del bad boy.
Bello e dannato? Sì, questo sì. Ma solo perché anche lui ha sofferto per la perdita del padre, ma a differenza di Ginny ha trovato il suo modo per affrontare il dolore.

Se si analizzano i protagonisti entrambi hanno delle maschere.
Lei rinchiusa nella sua bolla ha rinunciato a vivere. Avanza per inerzia in un susseguirsi di giorni e situazioni uguali ed indifferenti.
Necessitava di qualcosa che rompesse la sua dura corazza per farne uscire tutto il tormento.
Lui per ottenere successo in ambito lavorativo si è costruito un personaggio, perdendo la spontaneità.
Tutto è calcolato e mirato al successo.
Ad Erik piaceva punzecchiare Ian, soprattutto perché era difficile coglierlo in fallo. Era sempre così pacato e composto, a volte sembrava fatto di legno. Non si lasciava mai andare, Erik non ricordava nessun episodio in cui l'amico avesse lasciato libero sfogo all'istinto.
Ma - sì, perché ovviamente deve esserci un ma - il loro incontro stravolge le carte in tavola.

Non solo Ian e Ginny sono ben caratterizzati, ma anche i personaggi secondari mi sono piaciuti molto. La mia preferita è Amanda, la sorella di Ginny.
Ginny non aveva mai pianto da allora, tu da solo sei riuscito a fare ciò che tutti noi proviamo a fare da un anno. Hai provocato in lei una reazione. Per quanto sia doloroso vederla in quello stato, è l'unico modo per sperare che lei si riprenda. 
I punti di forza che ho trovato nel romanzo sono sicuramente i temi trattati.
Famiglia, amore e i valori positivi che vengono trasmessi. Con leggerezza e spontaneità.
Ammettilo, ti piace. Ho visto come scappi dal lui e tu scappi solo quando sai che qualcosa ti può ferire.
L'aggettivo che più trovo adatto per descrivere il racconto è delicato. Nonostante i caratteri dei personaggi siano ben delineati. Elena Rose riesce a conferire, anche al tono autoritario, arrabbiato o acido, la giusta nota per non stonare.

Ian e Ginny sono messi di fronte ad una prova. Abbandonare le corazze che si sono costruiti per iniziare a vivere, ad amare.
La narrazione è esterna alla storia, ed ero poco convinta della scelta di questa visione - in quanto generalmente prediligo la prima persona, magari alternata tra i protagonisti- ma mi sono dovuta ricredere. Permette di apprezzare ogni reazione e situazione nella sua interezza.
Ian aveva cercato più volte di instaurare una qualche forma di conversazione, ottenendo solo grugniti e risposte acide. Il mini appartamento di Amanda sembrava troppo mini per contenere la rabbia di Ginny e le spalle larghe di Ian.
E' un libro autoconclusivo. Sì, avete capito bene. Abbiamo una fine della storia. Siete emozionate come me? E per di più...un finale ad effetto. :P
Che dire? Consigliato!! *_*

Buona lettura! <3

martedì 7 aprile 2015

PRESENTAZIONE: Solo una storia d'amore e di troppe paturnie di Momi Gatto

Editore: youcanprint
Pagine: 540
Prezzo e-book: 2,99€
Disponibile digitale e cartacea
Amazon: QUI
Kobo: QUI
ibs: QUI

Giulia e Davide, due ventenni di Milano, così genuini eppure a modo loro tanto complicati, aprono e chiudono questo romanzo fresco e ironico che li vede unici protagonisti. Il loro è un rapporto insolito fin dal primo sguardo, così intenso e assuefacente da spaventarli. Lo sconosciuto senso di irrinunciabilità che sentono l’una per l’altro, e la conseguente paura di perdersi, li spingono a nascondere, agli altri e soprattutto a loro stessi, quale sia il vero sentimento che li unisce. Solo il precipitare repentino delle cose, e l’immancabile batosta, li costringeranno ad aprire gli occhi. Impossibile non affezionarsi a questi due ragazzi e non immedesimarsi con i loro cervellotici ragionamenti, attraverso i quali tutti noi siamo passati almeno una volta nella vita.

Pagina facebook: QUI

Cancella il giorno che mi hai incontrato di Leisa Rayven

Sono tornata con una lettura condivisa con la cara Simona che ringrazio di cuore.
Ecco il link alla sua recensione: QUI

Titolo orginale: Bad Romeo
"Cassandra e Ethan. Quando sono sul palco insieme, a nessuno sfugge l’attrazione e la potente alchimia che si sprigiona tra loro appena si sfiorano o si guardano negli occhi. Una passione che toglie il respiro, davanti alla quale è impossibile restare indifferenti. Tanto che all’Accademia d’Arte di New York vengono scelti come protagonisti per lo spettacolo di fine anno, Romeo e Giulietta, la storia d’amore più famosa di tutti i tempi.
Però, una volta calato il sipario e smessi gli abiti di scena, il rapporto tra Ethan e Cassandra si rivela complicato e ingestibile. Lei è la classica brava studentessa, timida, ingenua e sempre pronta ad assecondare il prossimo pur di farsi accettare. Ethan invece è bello e dannato, con un volto da angelo ribelle a cui nessuna ragazza può resistere. Lasciarsi sembra l’unica soluzione per continuare a sopravvivere, anche se il dolore è devastante, soprattutto per Cassandra. Rimasta sola a New York deve ricominciare da zero partendo proprio da se stessa e dal suo cuore tradito. Mentre Ethan, baciato dal successo, è in tournée in giro per l’Europa.
Anni dopo, scritturati di nuovo per interpretare una coppia di amanti, Cassandra e Ethan si ritrovano sul palco ad affrontare i demoni del loro passato e il fuoco di quella passione che, nonostante il tempo, non ha mai smesso di ardere. Ma può un amore così intenso e lacerante finire davvero?"

"Tu devi essere il cambiamento che vuoi che avvenga."

BELLO! Questo libro è stato un vortice. Ammetto di essermi approcciata alle pagine con titubanza.
Romeo e Giulietta è una delle mie opere preferite di Shakespeare, quindi temevo di trovare scontata la storia. Invece no. Mi ha piacevolmente colpito.

Parto dalla copertina. La trovo mooolto bella. Intensa e dolce al tempo stesso. <3
Per la traduzione del titolo...non si poteva proprio lasciare l'origiale? Eh, no. >_>"
Altra nota "negativa" non è un libro autoconclusivo. Non che mi lamenti di tornare (mi auguro presto) tra le pagine di questa storia. Però Rayven, sei crudele! ^^"

La narrazione è in prima persona ed affidata a Cassandra. E si alternata tra passato e presente.
Dettaglio che mi è piaciuto sono gli spazi dedicati alle pagine del diario della protagonista.
In fondo i blog si possono considere una sorta di diario "virtuale" quindi approvo questo particolare.
La storia viene espressa in modo semplice, ed il lettore ne è subito coinvolto.
Ho riso, mi sono arrabiata, agitata ed emozionata. Può confermare anche il mio ragazzo, le ultime pagine le ho lette in sua presenza, e mi sono vergognata per le mie reazioni.
"Uh....Ma no...Leggi qui!!"  Ehm sì! Autocontrollo. Cristina...Autocontrollo!
Leisa Rayven ha uno stile irriverente, diretto e sincero. E ammetto che mi sono divertita in vari passaggi. E l'ironia delle pagine non è mai sforzata.
In testa sento la voce di mia madre: Una vera signora non suda, Cassie. Luccica.
In tal caso, mamma, in questo momento "luccico" come un maiale.
I protagonisti sono fantastici.
Parere personale, il personaggio di Cassie non viene descritto al meglio nella sinossi:
"Lei è la classica brava studentessa, timida, ingenua e sempre pronta ad assecondare il prossimo pur di farsi accettare."Sì. E' vero. Lo fa, asseconda gli altri, ma per difendersi. Vi avviso che c'è stata sintonia immediata con questo personaggio!
E' come al primo anno della scuola di recitazione, quando dicevo sempre quello che gli altri volvano sentire, per farli felici anche se io non lo ero.
Si sente inadeguata agli ambienti e alle persone che la circondano. Non ha ancora trovato una persona con cui essere se stessa al 100%.
Ora sapete quanto argomento mi stia a cuore, per cui difenderò a spada tratta la progonista. >///<
La frase in cui più mi sono rispecchiata è questa:
Non che non volessi bene a mio padre e a mia madre, anzi. Solo che avevano idee molto chiare su come avrei dovuto vivere la mia vita. Siccome sono figlia unica, e dunque programmata per fare qualsiasi cosa pur d'ottenere la loro approvazione, mi sono sempre attenuta strettamente ai loro ideali poco realistici. (...) Mia madre è una di quelle che ha sempre una soluzione per tutto. Il suo unico obiettivo è migliorare se stessa. O me.
Cassie trova rifugio nella recitazione, che le permette di vestire un ruolo ben definito.
Ed è quello che crede di fare anche con tutte le persone che incontra. Capisce quello che gli altri cercano in lei, e li accontenta. Almeno finchè non incontra Holt.
Con lui le è impossibile fingere, tutte le emozioni che prova sono senza filtri. Che siano positive o negative poco importa, ma sono vere.

Holt è un personaggio introverso. Chiuso come un riccio, scontroso e letale.
Nel corso della storia si capisce l'origine di ogni suo male, e personalmente comprendo le difficiltà che prova. Però ragazzo mio...trova uno sfogo per tutta la tua rabbia repressa. ^^"
Ho cercato di convincermi che non volevo niente da te e ho perso ogni cosa.
Sicuramente è il personaggio che tra i due tempi di narrazione subisce la rivoluzione maggiore.
Spero vivamente che nel secondo libro vengano forniti maggiori dettagli. Vorrei conoscere meglio il nostro Bad Romeo.
L'amore è questo. Perdersi nell'altro. Essere strappata a ciò che conosci per essere solo ciò che senti.
Tra i personaggi secondari il mio preferito è senza dubbio Tristan, il coinquilino di Cassie.
I tuoi chakra stanno schizzando da tutte le parti come fuochi d'artificio.
Non è solo un amico per lei, è un confidente e la cosa più vicina ad una famiglia. Reciprocamente provano puro affetto incondizionato.

Nonostante siano passati anni per Cassie è difficile perdonare. Ed è perennemente sulla difensiva.
L'amarezza è un ottimo rimedio: fa salire la rabbia in superficie. Mi ci avvolgo come fosse una corazza di ferro e trovo conforto nell'aggressività che ribolle.
Perdonare? Non è facile. Dimenticare? Impossibile. E per lei non è semplice andare avanti.
Ancor meno se sulla sua strada torna lui. Holt. Bello come un Dio greco, ammaliante, forte.
Ma resta comunque la fonte di ogni suo male.
Tuttavia non importa quante attenzioni mi dimostri, perché io non dimenticherò mai tutte le volte in cui sono caduta; non importa nemmeno che mi dica che ora è diverso, perché sono sempre stata io a rimetterci.
Spero di aver invogliato alla lettura di questo romanzo senza avervi svelato troppo della storia. Io l'ho letto in e-book, ma è mia intenzione recuperarlo in cartaceo. (Rettifico, è già in arrivo da Sant'Amazon XD)
Cassandra, cara, a volte non ha senso provare a riparare qualcosa che si è rotto, bisogna ripartire da zero, costruire qualcosa di nuovo. Di più bello.
L'avete letto? Pensate di farlo? Mi auguro di sì.
Leggilo! Leggilo! Ehi, tu! Parlo con te! Leggilo! <3

Buone letture! <3

lunedì 6 aprile 2015

PRESENTAZIONE: Costellazione di brufoli di Mauro Colarieti



Editore: Lettere Animate
Anno: 2015
Genere: Young Adult LGBT
Lunghezza: 300 pagine
Prezzo: € 1,99
Link Amazon: QUI
Link Kobo: QUI

Quando Fabrizio viene adocchiato dagli Artisti del Retrobottega, una vera e propria mafia di liceali gay, capisce da sé che le cose sarebbero cambiate in poco tempo. Cominciando a uscire con loro, il ragazzo si ritrova catapultato in una realtà che lo aiuterà a scoprire meglio quello che è, evidenziando lati del suo carattere fino a quel momento nascosti.
Contemporaneamente, in un’altra città, Lohn sta cercando in tutti i modi di resistere all’ambiente degradante in cui la sua vita viene inscenata, e grazie a nuovi arrivi, la sua esistenza sembra avere la possibilità di diventare degna di essere vissuta.
Loro due, insieme ad altri personaggi secondari, vengono studiati attraverso il multi-POV (che arriva a contare cinque voci narranti) e ci accompagnano per tutto lo svolgimento della trama; pur vivendo situazioni completamente diverse, il lettore può comprendere alcune particolari che accomunano tutti loro. Il romanzo, diviso in quattro parti, lascia spazio a diverse tematiche dei giorni nostri, analizzando come ognuno possa vivere la propria adolescenza in base alla personalità e alle scelte fatte.
“Costellazione di brufoli” enfatizza una società moderna, dove gli atteggiamenti omofobici si stanno estinguendo e dove l’orientamento sessuale è un’etichetta sociale soltanto apparente.
Nel testo compaiono, in modo equilibrato, alcuni versi di canzoni collegate alla storia, di artisti musicali che spaziano da Mina ai Cage the Elephant.
Tra delusioni e soddisfazioni, i nostri protagonisti continuano a percorrere le loro vite, nascondendo segreti e ambizioni che nemmeno loro riescono a inquadrare e comprendere al meglio.
È una serie di situazioni narrate da ragazzi che dispongono di tanto ma che non si sentono mai abbastanza, membri tipici di una generazione che è propensa a sapere tutto, ma che forse, in fin dei conti, capisce ben poco.

Mauro Colarieti nasce il primo Aprile del 1997, nonché anno della pecora Dolly, di Titanic e di Google. Abita a Romano di Lombardia, in provincia di Bergamo, dove tutt’ora frequenta il liceo.
Nel giorno del suo diciottesimo compleanno pubblica “Costellazione di brufoli” (Lettere Animate Editore, 2015), il suo romanzo d’esordio, nonché primo capitolo di una trilogia.

Facebook Costellazione di brufoli

ESTRATTO:
Perché noi adolescenti non siamo deboli, pretendiamo tutto senza dare niente, e usiamo i nostri istinti per ficcarci in guai più grandi di noi. Rendiamo le nostre vite un qualcosa di molto simile a una gigantesca costellazione, una rete stellare che tutti possiamo osservare e in cui tutti, più o meno, possiamo rivederci.
Sono delle costellazioni di esperienze, orrende e magnifiche, che descrivono l’immensità dell’adolescenza che ognuno di noi possiede o ha posseduto. Forse, tra questa moltitudine offerta dal cielo notturno, gli adolescenti sono delle stelle. Alcuni si sentono speciali, arrivano a pensare che il mondo sia stato costruito per farli star male, quando in realtà fa di tutto per proteggerli.
Sapete cosa? A loro non interessa, perché fuggire da una costellazione che non si sente propria è l’unica soluzione per chiunque preferisca precipitare a fondo piuttosto che illuminarsi di false speranze.
Probabilmente io e Dan siamo un po’ così, come delle stelle cadenti.
Attraversiamo l’atmosfera, silenziosamente, ma il nostro bagliore non ci permette di scappare dalla costellazione in cui Fabrizio e gli altri sono rimasti intrappolati. Non riusciamo ad andarcene, se non facendoci notare.
Scappiamo perché è l’unica cosa che sappiamo fare.
Scappiamo dalle stelle più ingenue, quelle difettose. Con difetti come la superbia, il cinismo, perfino la sensibilità e l’empatia, in un sistema dove essere buoni provoca solo disagi e sofferenza.
Scappiamo dal cerchio stellare delle labbra screpolate, degli occhi strabici, dei fianchi larghi.
Io e lui stiamo evadendo dalla costellazione dell’eterna giovinezza, e vogliamo esplorare il cielo.
Non vogliamo più far parte della costellazione adolescenziale, la costellazione dell’apparecchio per i denti, degli occhiali da vista e delle costole sporgenti.
Noi non siamo più parte della costellazione di brufoli; noi vogliamo andare oltre.